Aforismi di Ennio Flaiano

Giornalista, nato a Pescara nel 1910 e morto a Roma nel 1972, autore di numerosi aforismi, spesso fulminanti, raccolti in due volumi: “Autobiografia del Blu di Prussia” e “Diario degli errori”.

1. Se lei si spiega con un esempio io non ci capisco piu’ niente.

2. Il peggio che puo’ capitare a un genio e’ di essere compreso.

3. Decise di cambiar vita, di approfittare delle ore del mattino. Si levo’ alle sei, fece la doccia, si rase, si vesti’, gusto’ la colazione, fumo’ un paio di sigarette, si mise al tavolo di lavoro e si sveglio’ a mezzogiorno.

4. Essere pessimisti circa le cose del mondo e la vita in generale e’ un pleonasmo, ossia anticipare quello che accadra’.

5. E’ un cretino illuminato da lampi di imbecillita’.

6. Spesso la donna italiana e’ cuoca in salotto, puttana in cucina e signora a letto.

7. Anche il progresso, diventato vecchio e saggio, voto’ contro.

8. A furia di leccare qualcosa sulla lingua rimane sempre.

9. I grandi amori si annunciano in un modo preciso; appena la vedi dici: ‘Chi e’ questa stronza?’.

10. L’evo moderno e’ finito. Comincia il medioevo degli specialisti. Oggi anche il cretino e’ specializzato.

11. In amore bisogna non avere scrupoli, non rispettare nessuno. Se occorre, essere capaci di andare a letto con la propria moglie.

12. I giorni indimenticabili della vita d’un uomo sono 5 o 6 in tutto. Gli altri fanno volume.

13. Chi rifiuta il sogno deve masturbarsi con la realta’.

14. Nell’amore di gruppo c’e’ almeno il vantaggio che uno puo’ dormire.

15. Amore? Mah… forse col tempo, conoscendoci peggio.

16. Il sognatore e’ un uomo con i piedi fortemente appoggiati sulle nuvole.

17. Gli italiani corrono sempre in aiuto al vincitore.

18. “Diavolo, vado bene di qui per l’Inferno?”. “Si’, sempre storto”.

19. Una volta il rimorso mi seguiva, ora mi precede.

20. Come tutte le mattine si alzo’, si guardo’ allo specchio e si vide bruttissima: ci mise un’ora a farsi brutta.

21. Se non si e’ di sinistra a vent’anni e di destra a cinquanta, non si e’ capito niente della vita…

22. Allora gli ho detto: “Senta Agnelli, faccia pure quante automobili vuole, tanto io non ho la patente”.

23. Il mio gatto fa tutto quello che io vorrei fare, ma con meno letteratura.

24. Sei stato condannato alla pena di vivere. La domanda di grazia, respinta.

25. L’avarizia e’ la forma piu’ sensuale di castita’.

26. Il traffico ha reso impossibile l’adulterio nelle ore di punta.

27. Il vero psicanalista delle donne e’ il loro parrucchiere.

28. L’unico modo di trattare una donna alla pari e’ di desiderarla come uomo.

29. Ci sono molti modi di arrivare, il migliore e’ di non partire.

30. I nomi collettivi servono a fare confusione. “Popolo, pubblico…”. Un bel giorno ti accorgi che siamo noi; invece credevi che fossero gli altri.